sabato 5 ottobre 2013

I crampi del photoshoppista


Ciao!

Esiste una patologia chiamata "crampi del photoshoppista"? Se sì, credo di averla avuta ieri...ho usato la tavola grafica in questi giorni, come avete visto dai disegni colorati e "inchisotrati". Ieri, facendo le prime due vignette di questo fumetto breve (ve lo anticipo),

Wyrth - Le Origini
mi sono ritrovato con la mano destra anchilosata e dolorante (niente battute, prego), ma soprattutto con i muscoli della spalla sinistra accavallati (è possibile? vabbè, allora è un modo di dire). Non so se è una patologia che colpisce solo me, o solo me in questa forma, dato che non ho la colonna vertebrale di un normale essere umano. Sì, sono un mutante. I comuni umani hanno una colonna che presenta delle salutari curvature, le quali permettono di assorbire gli urti (per esempio quando si salta o cammina) e i pesi. Beh, io non sono umano, tanto per citare il fumetto qua sopra. Purtroppo non sono nemmeno un mutante superuomo: la mia colonna è stata raddrizzata da un urto troppo forte, quindi è bizzarramente dritta. Forse per queso ho cominciato ad avere una visione distorta! Secondo Nietzsche, la malattia (chiamiamola così, ma non esageriamo) mette le cose in una diversa prospettiva (vabbè, non ci voleva Nietzsche); mi spiego meglio: essere stati "male" cambia la tua prospettiva da sano, quando tornerai a stare bene, e tutto si basa su questo gioco di prospettive. Certo, la malattia di Nietzsche era più di natura nevrotica, ma credo che questi crampi siano dovuti alla tensione di tutto il corpo mentre disegno...

Insomma, devo essere pazzo quanto Nietzsche...

Alla prossima e buon week-end...

2 commenti:

  1. Per fortuna in quel momento non siamo cosciente...

    RispondiElimina
  2. Sarebbe terribile...ma c'è gente che dice di ricordarsi la vita nell'utero della madre! Mah...

    RispondiElimina